top of page
  • LIFE CITYADAP3

Un gruppo ungherese visita FMRM per uno scambio di esperienze nell'ambito del progetto europeo Life

Il FMRM, insieme al resto dei partner del progetto europeo di cui è capofila, non solo ha ricevuto la visita dei partner italiani, ma anche di un gruppo ungherese interessato a Life City AdaP3, che si è recato in visita durante questo incontro di coordinamento per svolgere il Networking.



Il gruppo, composto da circa 12 persone, ha visitato la sede della Federazione e ha spiegato il progetto che sta portando avanti nella propria regione con l'idea di combattere il cambiamento climatico.

Il suo comune, Kazincbarcika, e BorsodChem Zrt, un'azienda locale, stanno sviluppando e gestendo congiuntamente meccanismi di collaborazione per promuovere misure collettive di adattamento ai cambiamenti climatici attraverso il progetto che li ha portati nella regione, chiamato Climcoop. Verrà istituita una Piattaforma sul clima come organo di coordinamento, un Gruppo di ricerca sul futuro come interfaccia per la scienza del clima e verrà lanciato un Fondo unico per il clima per sostenere misure di adattamento su piccola scala e a basso costo. Queste azioni si concentrano sulla riduzione della vulnerabilità locale modificando il deflusso delle acque meteoriche dai tetti, ampliando gli spazi verdi urbani, convertendo ex siti industriali in beni di adattamento multifunzionali, creando zone verdi e aggiornando il sistema di irrigazione urbana della città.


Kazincbarcika e BorsodChem Zrt. stanno integrando l'adattamento ai cambiamenti climatici nelle loro principali politiche strategiche, pratiche e regolamenti. Il Piano d'azione per l'energia sostenibile e il clima (SECAP) della municipalità sarà rafforzato con azioni di adattamento, il piano territoriale sarà migliorato con misure di adattamento, sarà lanciato un piano d'azione per le ondate di calore e l'adattamento ai cambiamenti climatici sarà incorporato nei principali regolamenti EHS dell'azienda locale.



Come valore aggiunto unico, verrà costruito e ottimizzato un prototipo per l'utilizzo delle acque reflue e piovane trattate, per testare una tecnologia che produce acqua da riutilizzare come acqua grezza industriale e per l'irrigazione del verde pubblico, dispiegando effetti sinergici sia per la città che per le imprese. Il consumo di acqua dolce sarà ridotto di 16.000 m3 nella fase pilota, riducendo la richiesta di acqua dal fiume Sajó. In questo modo, le acque reflue possono essere riutilizzate per ricaricare le superfici verdi urbane e le falde acquifere sotterranee.

Manuel Pato, Segretario Generale della FMRM, ha consegnato loro una scultura della Cattedrale di Murcia come ricordo del loro soggiorno in città.

Il gruppo ungherese ha anche accompagnato il resto del team in un tour dei Comuni che partecipano a LCA3 e ha mostrato particolare interesse per il manuale di collaborazione tra istituzioni locali e aziende per raccogliere finanziamenti privati.

1 visualizzazione0 commenti

Kommentarer


bottom of page