top of page
  • LIFE CITYADAP3

I lavori nei Comuni che partecipano al progetto europeo Life City AdaP3 sono nella fase finale.




La Federazione dei Comuni della Regione Murcia ha tenuto una riunione di coordinamento del progetto per l'adattamento al cambiamento climatico di cui è capofila, finanziato con fondi europei con un budget di 2.302.509 €, per conoscere lo stato attuale dei compiti e degli obiettivi di questa iniziativa a cui partecipano i Comuni di Alcantarilla, Lorquí, Molina de Segura, Reggio Emilia (in Italia), il Corso di Responsabilità Sociale d’Impresa dell'Università di Murcia e i consulenti di Eurovértice. Durante il secondo giorno, i partner di Life City AdaP3 hanno visitato i luoghi oggetto delle azioni pilota di Alcantarilla, Lorquí e Molina de Segura, per vedere lo stato delle varie opere realizzate in queste città per mitigare il cambiamento climatico, che sono già nella fase finale.



Azioni pilota

Alcantarilla: piattaforma multimodale adattata al cambiamento climatico

L'azione pilota di Alcantarilla consiste nella progettazione di una piattaforma multimodale pedonale e ciclabile, adattata ai cambiamenti climatici, e nella sua implementazione nell'asse prioritario della futura rete di base della mobilità sostenibile, pedonale/ciclabile, che collega il centro nevralgico del comune (Plaza Adolfo Suarez) con il Parco Industriale Ovest (P.I.O.), realizzando, come primo sviluppo dello stesso, un tratto di circa 600 metri. Il consiglio, guidato dal sindaco Joaquín Buendía e dall'intero team dell'Agenzia di Sviluppo Locale, ha portato a termine con successo questo progetto pilota e ora intende presentarlo ai suoi vicini.



Lorquí: ripristino delle cime

L'azione pilota a Lorquí consiste nell'applicare diverse soluzioni innovative alla collina Ermita-Scipión per mitigarne l'erosione. Si tratta di rinforzare i pendii con muri e soluzioni naturali per prevenire le frane. L'intervento consisterà anche nel rinforzare le case-grotta per contenere le colline e prevenire così le frane, nello stabilizzare i pendii mediante geocelle e nell'installare vele di protezione solare.

Nel caso di Lorquí, anche tutti i lavori che compongono questa azione sono terminati, con la messa a dimora di alberi e piante ancora in sospeso, poiché i responsabili dell'azione hanno deciso di saltare la stagione estiva per evitare che le alte temperature secchino queste specie.




Molina de Segura: 4 azioni per l'adattamento ai cambiamenti climatici

1. Creazione di un'aula bioclimatica. Si tratta di un edificio galleggiante, per consentire la filtrazione dell'acqua piovana e la permeabilità del terreno.

1. Studio di alternative per la definizione e la segnaletica di un percorso urbano sostenibile, come percorso sostenibile di collegamento tra aree verdi.

2. Adattamento ai cambiamenti climatici del Parco Nelson Mandela.

3. Campagna di informazione, interpretazione ambientale e partecipazione dei cittadini.


Nel caso di Molina, a causa dell'attuale situazione dei prezzi dei materiali e del complicato compito di assegnare gli appalti pubblici a causa della scarsità di imprese interessate, non è stato possibile iniziare i lavori dell'aula bioclimatica. D'altra parte, i lavori di adattamento del Parco Nelson Mandela ai cambiamenti climatici sono stati completati quasi al 100%.




Reggio Emilia: riforestazione di 4 parchi per mitigare l'effetto isola di calore


Il partner internazionale del progetto Life CityAdap3 è Reggio Emilia, in Italia.

L'azione pilota consiste nella riforestazione di 4 parchi pubblici situati in aree urbane e periurbane, utilizzando un modello di parco adattivo per contrastare il fenomeno delle isole di calore.

Grazie alla piantumazione di circa 2.800 alberi, sarà migliorata la fruibilità dei parchi, in particolare delle aree gioco per bambini, delle panchine e delle aree di sgambamento per cani. Più di 1.200 cittadini beneficeranno delle azioni.


I partner e i colleghi italiani hanno completato il rimboschimento dei parchi, in attesa dell'implementazione di sistemi di misurazione per monitorare l'azione e la ripiantumazione di alcune specie che non hanno resistito alla dura estate. Reggio Emilia è un passo avanti nella diffusione del suo progetto tra i diversi gruppi di interesse locali della città.






3 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page